domenica 20 settembre 2015

trentasettesimo giorno

Maria, rifugio dei peccatori, prega per noi


INTENZIONI DI PREGHIERA DEL ROSARIO: per la famiglia e il matrimonio, per la pace, la sacralità della vita umana, la libertà religiosa e le vostre intenzioni personali

ROSARIO - DOLOROSO

MEDITAZIONE

Il desiderio di entrare nella lotta è un desiderio di entrare in una vera e propria pedagogia della santità, perseguendo l'obiettivo di diventare uno dei campioni di Dio. S. Paolo si esprime così:

"Non sapete che nelle corse allo stadio tutti corrono corrono, ma uno solo ottiene il premio? Correte in modo da ottenere il premio! Però ogni atleta è disciplinato in tutto; essi lo fanno per ottenere una corona che non durerà, noi lo facciamo per ottenere una corona che durerà per sempre. Perciò io non corro come qualcuno che corre senza meta. Io non combatto come un pugile che batte l'aria; anzi tratto duramente il mio corpo e lo riduco in schiavitù , perché non succeda che, dopo aver predicato agli altri, io stesso non venga squalificato per il premio "(1 Cor 9, 24-27).

S. Paolo parla di un addestramento rigoroso ed una voglia di correre che consentano di vincere. Il famoso allenatore di Green Bay Packer, Vince Lombardi, avrebbe ascoltato queste parole di San Paolo molte volte nella sua vita, mentre andava a messa ogni giorno. In realtà, ha ammesso, "io traggo la mia forza dalla Messa quotidiana e dalla Comunione". Come descrive il Coach Lombardi quello che serve per essere il numero uno, se uno si riconosce un po 'nelle parole di S. Paolo, è:

«E in verità, non ho mai conosciuto un uomo degno di questo nome, che nel lungo periodo, nel profondo del suo cuore, non abbia apprezzato la fatica, la disciplina. C'è qualcosa negli uomini buoni che anela veramente per la disciplina e la dura realtà di un combattimento testa a testa. Non dico queste cose perché credo nella natura bruta degli uomini o che gli uomini debbano essere brutalizzati o essere combattivi. Io credo in Dio e credo nella decenza umana. Ma fermamente credo che l'ora più bella di ogni uomo, il compimento più grande di tutto ciò che ha di più caro, sia il momento in cui ha lavorato sul suo cuore per una buona causa e si trova esausto sul campo di battaglia vittorioso. "

Nel riflettere sulla capacità del padre di portare il meglio in un uomo, Vince Lombardi Jr. ha scritto nel suo libro, "Quello che serve per essere il numero 1", che questo tipo di fame di eccellenza è difficile da trovare oggi: "Viviamo in un momento in cui l'autorità viene messa in discussione, la gratificazione è immediata, la morale è relativa, l'etica è situazionale e la verità è evidentemente ciò che decidiamo che sia. Conduciamo vite di comfort e facilità e, di conseguenza, abbiamo perso la nostra fame di condurre e raggiungere. Oggi, meno persone sono disposte a fare i sacrifici che sono necessari per diventare un leader. "

Purtroppo, troppe persone sono diventate condizionate a rannicchiarsi quando sentono le parole, "tendere alla perfezione." Nella cultura coccolata in cui viviamo, la risposta riflessa è: "non sarò mai perfetto." Eppure, l'Allenatore Lombardi ha detto, "La perfezione non è raggiungibile. Ma se rincorriamo la perfezione, saremo in grado di catturare l'eccellenza."

Per la tua santa e immacolata Concezione, o Maria, liberarci dal male. AMEN

Nessun commento:

Posta un commento