sabato 14 luglio 2018

La Consacrazione allo Spirito Santo per non essere strangolati dalla crisi che opprime il mondo

In questo periodo mi sto interessando tantissimo alle diverse forme di povertà che la nostra società occidentale sta vivendo. Molte di esse sono aggravate in maniera prepotente dalla crisi finanziario-economica che è scoppiata in America nel 2008.
La portata di questa crisi è stata tale che l'intero sistema economico finanziario del mondo occidentale è saltato. Ne vediamo ancora gli effetti 10 anni dopo. Il nostro sistema sanitario non ha fondi, quello socioeducativo, nel quale io stessa sono impegnata, è poverissimo e carente, la scuola sta perdendo il suo valore, perchè poco valorizzata. Da 10 anni, tutte le energie economiche del nostro Paese sono state utili a mantenere in vita un'economia che è molto più magra delle vacche bibliche.
Presi dal senso di soffocamento, soccombono in tanti. Le famiglie, già cariche di tanti problemi, si distruggono. Il lavoro quotidiano è poco apprezzato, poco pagato, poco stimolante.
Il "Manifesto del Parito Comunista" si apriva con questa frase in Prefazione: "Uno spettro si aggira per l'Europa è lo spettro del Comunismo". In qualche modo, pur usando questa frase in termini positivi, Marx ed Engels avevano definito  il comunismo come uno spettro, un qualcosa che poteva essere mortale.
Io credo che un altro spettro si aggiri per l'Europa più pericoloso del Comunismo: è la deregolamentazione finanziaria. Tutto negli Stati è sottoposto a regole, la finanza invece non ne vuole. E molti stati si lasciano convincere pur avendo subito tutti i disastri della deregolamentazione. Questo spettro anarchico è incontrollabile e sa nascondersi molto bene.
Noi non sappiamo di essere gestiti da esso, eppure esso condiziona le scelte e le esistenze di quasi tutti noi in occidente. Giovani senza futuro, perchè l'economia è ferma; famiglie strangolate da debiti e problemi di ogni tipo; anziani soli e poveri...
In questi casi, quando, cioè, uno spettro si aggira per i luoghi e per le vite delle persone, gli esperti di spiritualità consigliano innanzitutto un cammino di conversione. E' necessario ripetere nelle scelte quotidiane della nostra vita quel "rinuncio" che la chiesa ci ha fatto affermare il giorno del nostro battesimo.
Poi mi piace molto pensare che in questi momenti il nostro Dio si giochi la sua carta migliore: lo Spirito Santo. 
Diversi santi e profeti di questo nostro tempo ci hanno parlato di un' azione speciale dello Spirito Santo promessa da Gesù per affrontare questi tempi di crisi. Ne cito tre in particolare, che mi stanno molto a cuore, ma voi stessi ne conoscerete tantissimi.
Il primo che voglio ricordare è S. Josè Maria Escrivà, un santo speciale a cui sono molto legata. Quest'uomo geniale ha voluto consacrare tutta la sua opera allo Spirito Santo, perchè era convinto che solo lo Spirito avrebbe guidato le persone verso i desideri del Cuore di Gesù.
Poi c'è la Beata Elena Guerra. Questa religiosa aveva ricevuto da Gesù la promessa di un'era dello Spirito Santo che avrebbe cambiato il cuore degli uomini e avrebbe portato l'umanità preparata ad incontrarsi con il Messia che sta per tornare.
C'è poi una donna messicana, la Beata Conchita Cabrera de Armida. Moglie e mamma ha avuto particolari intuizioni profetiche tra cui questa legata alla consacrazione allo Spirito Santo: "Il mondo affonda perché si allontanato dallo Spirito Santo: tutti i mali che lo affliggono hanno lì la loro origine. Il rimedio si trova in Lui: Egli il Consolatore, l’autore di ogni grazia, il legame di unione tra il Padre e il Figlio, il supremo conciliatore poiché carità, Amore increato ed eterno.
Tutto il mondo ricorra a questo Spirito Santo perché il tempo del suo regno è arrivato: quest’ultima tappa del mondo gli appartiene in modo speciale perché egli sia onorato ed esaltato.
La Chiesa lo predichi, le anime lo amino, il mondo intero gli sia consacrato ... L'intero Universo sia Consacrato allo Spirito Santo; verrà la pace insieme a una reazione morale e spirituale più grande del male da cui la terra tormentata".
Questi profeti del nostro tempo ci hanno affidato una soluzione spirituale che è molto legata alla ricchezza che la Bibbia stessa mette nelle nostre mani. L'ultimo capitolo della Bibbia, appunto, l'Apocalisse dice questa frase: "Lo Spirito e la Sposa dicono: "Vieni".
Nel momento del ritorno del Signore lo Spirito sosterrà la sposa nell'invitare lo Sposo ad unirsi a lei.
Non ci resta che donarci completamente allo Spirito perchè possa indirizzare la nostra voce nella giusta direzione per attirare a noi l'Amato. 
Maranathà, vieni Signore!