domenica 17 giugno 2012

due cuori ...per vincere e trionfare

Sono passati ormai tre, forse quattro anni, da quando ho deciso di dare alla nostra piccolissima comunione un nome. Tengo molto al nome delle cose, perchè penso che il Padre quando ha creato il mondo ci ha dato l'ordine di attribuire loro un nome e così di sentirle nostre.
Ho riflettuto molto, ho pregato, ho ascoltato, poi sono diventata sempre più sicura della voce dello Spirito Santo che mi suggeriva un nome lunghissimo (Fraternità del Cuore Misericordioso di Gesù e del Cuore Immacolato di Maria), ma riassumibile in "Due Cuori".
Da quando abbiamo battezzato la nostra piccola realtà nello Spirito Santo, ho sempre imparato nuove cose dal Signore su questo nome così importante...
Vi voglio condividere alcune scoperte di questo periodo.
Leggendo i nostri post scoprirete la grazia della comunione nello Spirito Santo con una grande donna della nostra Italia: Madre Elena Aiello, che ormai tutta la chiesa riconosce come beata. Alcune delle sue profezie mi hanno colpito particolarmente: Gli uomini non sono più riconoscenti al mio Sacro Cuore, abusano della mia misericordia, hanno trasformato la terra in un luogo di crimini...‘Oh! Come è triste il mio cuore nel vedere che gli uomini non si convertono (non rispondono) alle tante chiamate di amore e di dolore, manifestate dalla mia madre amata agli uomini erranti... Poi mi è apparsa la Madonna. Era vestita di nero, con sette spade conficcate nel suo Cuore Immacolato...‘Il mio Cuore è triste per le così tante sofferenze nel mondo che va verso la rovina...‘I preti devono unirsi in preghiera e penitenza. Essi devono affrettarsi a diffondere la devozione ai Due Cuori. L’ora del mio trionfo è a portata di mano. La vittoria sarà accompagnata attraverso l’amore e la misericordia del Cuore di Mio Figlio, e del Mio Cuore Immacolato la mediatrice tra gli uomini e Dio, accettando questo invito, e unendo le mie lacrime a quelle del mio cuore addolorato, preti e religiosi otterranno grandi grazie per la salvezza dei poveri peccatori’...
Mi fermo qui anche se le profezie continuano e invito chi ci legge a cercarle e approfondirle...
Elena usa la stessa terminologia sui Cuori  di Gesù e di Maria che abbiamo noi! Mi hanno stupito dei passaggi delle profezie di sopra in cui Elena, non solo utilizza il nome per intero che abbiamo scelto, ma anche quello "breve"di "Due cuori".
Questo significa che io, anzi noi tutti, sentiamo che queste parole che Gesù e Maria hanno rivolto ad Elena, sono per noi. Ci siamo sentiti chiamare da questo suo messaggio e vogliamo donare la nostra vita e la nostra comunione per la vittoria di Gesù e il trionfo del Cuore Immacolato di Maria...
Abbiamo ricevuto due immagini nella preghiera che ci indicano un pò la strada da percorrere. La prima è stare nel cuore di Gesù e di Maria e tenere Gesù e Maria nei nostri cuori. La seconda è avere fede in questo trionfo e in questa vittoria. 
Nella Festa dei due Cuori, venerdì e sabato abbiamo voluto esprimere con un segno queste immagini lasciandoci avvolgere dai fratelli nei Cuori e portando l'olio per la nostra lampada dell'attesa dello sposo. 
Noi attendiamo questa vittoria e per questo, vi anticipiamo che, da quest'anno della fede, comincerà la nostra preparazione come sposa. La fede sarà la porta che si aprirà davanti alla sposa regina quando prenderà possesso della dimora preparata per lei fin dalla fondazione del mondo...
Lo Spirito e la sposa gridano: "Vieni, Signore"...
Anche tu che leggi unisciti sempre a questo grido di fede e di speranza e prepara anche tu il tuo cuore per questa vittoria eterna!
"Vieni Signore!": vogliamo "brillare di purezza e di bellezza" (mess 2 febbraio 2012) quando i tuoi occhi si poggeranno sulla nostra chiesa sposa!