giovedì 30 dicembre 2010

Ci è stato dato un figlio

La Parola del Signore è sempre occasione di guarigione, di liberazione e di redenzione.
"Il Bambino avvolto in fasce e adagiato nella mangiatoia" è il segno che l'angelo annuncia per trovare Cristo Signore.
Con l'aiuto dello Spirito Santo e con lo splendido canto di Alfonso, ci siamo immersi nel racconto di Luca della nascita di Gesù. Nel Prologo al suo Vangelo, Luca ci ha detto che ha voluto interrogare i testimoni oculari degli eventi per confermare la solidità degli insegnamenti ricevuti dai testimoni della parola. Abbiamo, quindi, voluto immaginare che Maria da testimone oculare volesse raccontarci la storia di Gesù che nasce, così come avrà fatto con Luca.
Abbiamo fatto esperienza di un Dio che si fa Bambino in un modo che la logica umana non accetta. L'angelo ci ha detto che è un segno del Salvatore il fatto che il Bambino si trovi in una mangiatoia. Ricordo a tutti che la mangiatoia è il luogo dove mangiano gli animali.
La prima immagine che lo Spirito Santo ci ha suggerito di guardare è l'associazione tra l'Ostia Santa e il Bambino Gesù. Il Bambino sta nel luogo dove mangiano gli animali e l'Ostia Santa è il pane per la salvezza dei peccatori. Chi mangia quel Pane può avere la Salvezza. Maria ha fatto comprendere a Luca, un medico, che quegli eventi, decisamente sui generis, non erano dovuti alla mancanza di mezzi, agli eventi che casualmente l'avevano fatta partorire in una stalla, ma allo Spirito Santo che, come gli angeli hanno annunciato ai pastori, stava dandoci un segno. Lo Spirito Santo dice a chi cerca il Salvatore, Cristo Signore, che Egli si trova avvolto in fasce nel luogo dove mangiano gli animali. La sua incomprensibile misericordia vuole entrare laddove mai lasceremmo entrare l'innocenza e la debolezza di un Bambino.

Ed ecco la seconda esperienza che lo Spirito ci ha voluto donare: Dio viene a farsi Bambino nella mia carne. Quando io lo mangio, per la potenza della sua Passione, Morte e Risurrezione, Egli porta la salvezza alla mia carne.
Quando mi sento un animale, mi sento senza dignità, preda di quella parte di me che mi fa fare ciò che non voglio. Lì Dio viene nella mia mangiatoia per farsi mangiare...
Nel momento in cui la mia logica porterebbe Dio lontanissimo da me, Egli si fa vicino. Come un amante si avvicina alla mia bocca, ma il suo Amore va oltre, Egli non solo mi bacia, ma diventa parte di me e mi rende come Lui...
Ciascuno di noi, ha stretto a sè la statuetta del Bambino perchè Egli entrasse proprio lì dove io mi sento un animale...

Quando si incontra il Signore, si sente forte una spinta ad andare da altre persone a comunicare la testimonianza della nostra esperienza.
Padre Emiliano, molto spesso, è ritornato, in questo Avvento, sulla importanza fondamentale della testimonianza nell'evangelizzazione. Ma il Signore ha voluto essere molto più incisivo con noi...
Tenendo il Bambino tra le braccia ci siamo soffermati sulle Parole di Isaia che abbiamo proclamato la notte di Natale.
"Ci è stato dato un figlio": quando hai un figlio esci definitivamente dalla dimensione edulcorata e tenera del Bambino da amare e coccolare. I tuoi ritmi, i tuoi spazi, il tuo mondo vive un vero e proprio terremoto che mette in crisi le persone, le coppie e le famiglie. Una nascita è un momento di crisi per una persona e per una coppia perchè o si ripensa il modo di vivere o si scoppia...
Il Bambino Gesù che tenevamo tra le braccia ci ha fatto comprendere che consacrarci a Lui significa proprio questo: vivere come se si avesse
un neonato in casa. Provate a fare questa esperienza e capirete cosa il Signore vuole dalla vostra vita.
Una parola profetica di Geremia ci ha fatto sussultare, perchè ci ha confermato quanto fosse seria questa chiamata. Il Signore ci ha detto: "Maledetto chi compie fiaccamente l'opera del Signore".
Ci siamo accorti che, come ministero di guarigione, tante volte ci siamo vergognati del Signore, del suo modo di fare. Non lo abbiamo valorizzato per niente nella parrocchia, per la nostra falsa idea di umiltà. In una parola, non siamo stati come Maria e Giuseppe obbedienti alla Parola. Abbiamo pensato a noi, alla nostra reputazione più che alle cose di cui il Bambino aveva bisogno.
Ora, però, abbiamo un Bambino nella nostra vita e vogliamo gettare le reti col coraggio di chi ha irrobustito le mani fiacche nella fede dell'adempimento delle promesse del Signore.
Da oggi, come ci ha insegnato Alfonso, Dio è "Ninno mio"(mio figlio): si è fatto mio figlio, perchè, anch'io, possa dire a suo Padre, Abbà. Amen!

sabato 25 dicembre 2010

ecco il testo integrale...

Quanno nascette Ninno,

quanno nascette Ninno a Betlemme,

era notte e pareva miezojuorno...

Maje le stelle,

lustre e belle,

se vedèttero accussí

e 'a cchiù lucente,

jette a chiammá li Magge a ll'Uriente.

De pressa se scetajeno

de pressa se scetajeno ll'aucielle

cantanno de na forma tutta nova:

Pe' nsi' 'agrille,

co' li strille,

e zompanno 'a ccá e 'a llá:

- E' nato! E' nato! -

- decévano - lo Dio che nce ha criato! -

Co' tutto ch'era vierno,

Ninno bello,

nascettero a migliara rose e sciure

Pe' nsi' 'o ffieno,

sicco e tuosto,

ca fuje puosto sott'a te,

se 'nfigliulette

e de frunnelle e sciure se vestette

A no paese che,

se chiamma Ngadde,

sciurettero le vvigne e ascette ll'uva.

Ninno mio sapuretiello,

rappusciello d'uva si' tu

ca, tutt'ammore,

faje doce 'a vocca e po' 'mbriache 'e core!

Non c'erano nemice

non c'erano nemice pe' la terra:

La pecora pasceva co' 'o lione

Co''o capretto, se vedette

'o liupardo pazzeá

Ll'urzo e 'o vetiello

e, co' lo lupo, 'mpace 'o pecoriello.

S'arrevotaje 'nsomma

s'arrevotaje 'nsomma tutt''o munno:

lo cielo, 'a terra, 'o mare e tutt''e ggente

Chi dormeva, se senteva

'mpiett''o core pazzeá

pe' la prejezza;

E se sonnava pace e contentezza

Guardavano le ppecore,

'e Pasture

E n'Angelo, sbrennente cchiù d''o sole,

Comparette e lle decette:

- No ve spaventate, no!

Contento e riso!

la terra è addeventata Paraviso!

A vuje è nato ogge,

a Bettalemme,

d''o munno, ll'aspettato Sarvatore...

Dint''e panne 'o trovarrite,

non potite maje sgarrá, arravogliato

e dint'a lu Presebbio corecato

a meliune ll'Angiule calaro...

co' chiste se mettettero a cantare;

- Gloria a Dio, pace 'nterra

Nu' cchiù guerra...è nato giá

lo rre d'ammore

che dá prejezza e pace a ogne core

sbatteva 'o core 'mpietto a sti Pasture

e ll'uno po' deceva 'nfacci'a ll'ato:

- Ché tardammo? priesto, jammo

ca mme sento ascevolí

pe' lo golío

ca tengo de vedé stu Ninno Dio!

zompanno comm'a ciévere ferute,

jettero li pasture a la capanna

Llá trovajeno a Maria

co' Giusepe e 'a Gioja mia

e 'nchillo Viso

provaieno nu muorz e paraviso

restajeno 'ncantate e voccapierte

pe' tantu tiempo senza di' parola...

po' jettanno, lacremanno,

no sospiro pe' sfogá...

da dint''o core,

cacciajeno, a migliara, atte d'ammore.

c''a scusa de donare li presiente

se jettero azzeccanno chiano chiano...

Ninno no' li rifiutaje

ll'azzettaje, comm'a che,

po' lle mettette

la mano 'ncapa e li benedicette

piglianno confedenzia a poco a poco,

cercajeno lecenzia a la Madonna

Se magnajeno li pedille

co vasille, 'mprimma e po'

chelle mmanelle

a ll'urdemo, lo musso e 'e mascarielle

po' assieme se mettettero a sonare

e a cantá co' ll'Angiule e Maria

co' na voce, accossí doce,

ca Gesù facette: Aaaah - há...

e po' chiudette

chill'uocchie aggraziate e s'addurmette.

la nonna che cantajeno a me mme pare

ch'avett''a èsse' chella ca mo dico:

Ma 'nfrattanto io la canto,

'mmaggenateve de stá

co li pasture

vicino a Ninno bello vuje pure

Viene suonno da lu cielo,

viene adduorme a sto Nennillo

pe' pietá ch'è piccerillo,

viene suonno e nun tardá.

Gioja bella de sto core,

vorría suonno addeventare,

doce doce pe' te fare

st'uocchie belle addormentá

Ma si Tu, p'essere amato,

Te si' fatto Bammeniello

Sulo Ammore è 'o sonnariello

che dormire te pò fá

Ment'è chesto puó' fá nonna

pe' te st'arma è arza e bona

T'amo t'a...Uh, 'sta canzona

giá t'ha fatto addobbecá!

T'amo Dio, bello mio

t'amo Gioja, t'amo, t'a'

cantanno po' e sonanno, li Pasture,

tornajeno a le mantre n'ata vota:

ma che vuó' che cchiù arrecietto

non trovajeno 'int'a lo pietto

a 'o caro Bene,

facevano ogne poco 'o va' e biene

lo 'nfierno solamente e 'e peccature

'ncocciuse comm'a isso e ostinate

se mettettero appaura,

pecché a 'o scuro vonno stá

li spurtagliune,

fujenno da lu sole, li briccune

io pure sóngo niro peccatore

ma non boglio èsse' cuoccio e ostinato

Io non boglio cchiù peccare

voglio amare, voglio stá

co' Ninno bello

comme nce sta lo voje e ll'aseniello

Io non boglio cchiù peccare

voglio amare, voglio stá

co' Ninno bello

comme nce sta lo voje e ll'aseniello

Nennillo mio Tu si' sole d'ammore!

Faje luce e scarfe pure 'o peccatore

Quanno è tutto niro e brutto

comm'a pece, tanno cchiù

lo tiene mente

e 'o faje addeventá bello e sbrennente

ma tu mme diciarraje ca chiagniste

acciò chiagnesse pure 'o peccatore!

Aggio tuorto! Ahje! fosse muorto

n'ora primma de peccá!

Tu mm'haje amato

e io, pe' paga, t'aggio maltrattato

e vuje uocchie mieje, doje fontane

avit''a fá, de lacreme, chiagnenno

pe' lavare,

pe' scarfare,

li pedille de Giesù

chisá, placato,

decesse: "Via, ca t'aggio perdonato!"

viato a me si aggio 'sta fortuna!

Che maje potesse cchiù desiderare?

O Maria,

speranza mia

mentr'io chiagno, prega tu;

penza ca pure

si' fatta mamma de li peccature.

Danza Quanno nascette ninno.AVI

Quanno nascette ninno


Ho bisogno di condividere con voi che leggete questi post la meraviglia che questo Natale ha suscitato in noi...
L'amicizia, nella comunione dei santi, che abbiamo con Alfonso, Sant'Alfonso Maria de Liguori, mi ha portato per strade sconosciute ad incontrare aspetti del Signore che nemmeno lontanamente immaginavo di sperimentare.
Questo blog è testimonianza di quello che dico, perchè da Natale dell'anno scorso ad oggi, Alfonso ci sta mostrando nello Spirito Santo cosa Gesù vuole da noi.
Proprio a Natale dello scorso anno, lo Spirito Santo mi aveva fatto sentire la spinta forte a danzare sulla splendida poesia di Alfonso "Quanno nascette ninno". Avevo, in quella occasione, trovato mille scuse con il Signore e, alla fine, ho convinto tutti che era troppo rischioso danzare su una poesia così bella per noi che abbiamo pochi mezzi, poca tecnica, pochi danzatori; ma in realtà, a voi posso dirlo, avevo solo poca fede.
Quest'anno, tra me e Alfonso, l'amicizia è diventata più profonda, è un amore in Gesù. A Scala, Alfonso ha parlato alla nostra Fraternità e ci ha indicato la via della missione verso coloro che camminano nelle tenebre. Continuamente mi parla e mi manda segnali della sua predilezione.
L'ultima delle sue attenzioni è avvenuta in Avvento quando, mentre stavo studiando la relazione dell'adulto con il neonato (cosa, quindi, che c'entra solo in parte con il Natale e S. Alfonso), trovo su internet il testo integrale del canto
"Quanno nascette ninno". Quel testo mi ha ricordato il mio no allo Spirito Santo dell'anno scorso e, leggendo tra le lacrime, mi sono soffermata su una strofa che dice: lo 'nfierno solamente e 'e peccature'ncocciuse comm'a isso e ostinate se mettettero appaura...
L'inferno e i peccatori cocciuti ebbero paura...era proprio il sentimento che avevo provato io. Avevo avuto paura della mia poca competenza, della mia povertà, della mia incapacità: le mie ginocchia non si erano piegate davanti alla Potenza del Bambino...allora, sempre piena di paura, ho detto sì. Mi mancavano, però, i danzatori, i passi, il tempo...praticamente tutto!
Ho fatto l'avviso in parrocchia per cercare volontari che volessero danzare, era la mia ultima spiaggia per dire allo Spirito Santo: "Vedi, Signore, nessuno ha risposto, non ci posso fare niente, ma questa danza non si può fare".
Invece, il giorno della prima prova, Anna, una sorella che danza con noi e guida in parrocchia i ministranti si è presentata con gran parte del suo gruppo che voleva danzare...lo Spirito Santo mi ha incastrata...
Così, in preghiera, mi è venuta anche la visione
della danza.
Io, però, fino all'ultima prova ero convinta che fosse un fiasco, perchè, tra come lo Spirito Santo mi aveva fatto vedere la danza, e come, poi, veniva realmente fuori, era un disastro!!!
Ieri, invece, malgrado tutte le nostre povertà che sono ben visibili nel video che tra poco vedrete, ieri ho sentito tutta la Potenza dello Spirito Santo e del Bambino che veniva realmente a danzare con noi. E' stato un momento di grande potenza di unzione sia per il mio cuore che per tutta l'assemblea. E' stato un momento di grande commozione e soprattutto di evangelizzazione...
Tra poco posterò il testo di S. Alfonso e la danza per condividere anche con tutti quelli che ci seguono nel web che Gesù è venuto anche nella nostra miseria, nella nostra mangiatoia...
Sia lode a Lui che si china sui poveri e li rende evangelizzatori!
Sia lode a Lui che si fida di noi!
Sia lode a Lui che si fa Bambino per stare tra le nostre braccia!
Ti adoriamo Gesù...

E un grazie al mio grande amico Alfonso che ha danzato con noi nella comunione dei santi. Grazie Alfonso, continua a lavorare per noi da lassù...

venerdì 24 dicembre 2010

Ecco il vostro Dio viene a salvarvi...

Egli viene nella nostra carne per liberarci dalle nostre sofferenze. Salutiamo e ringraziamo Padre Emiliano e non dimentichiamoci di lui, perchè presto la chiesa ufficiale lo riconoscerà tra i beati...

Ci sono 4 tipi di sofferenza:

1. La sofferenza spirituale, causata dal peccato personale.

2. La sofferenza emozionale causata dalle ferite e dai sentimenti del passato. Caratterizzano la nostra vita psichica.

3. La malattia fisica.

4. L’oppressione da parte del maligno.

Gesù ha guarito tutte queste malattie. Ha perdonato i peccati del paralitico e della peccatrice. Ha guarito ciechi, lebbrosi, sordomuti e persone che soffrivano per ogni tipo di malattia; scacciò il demonio da molti posseduti e dono pace e conforto a molti.

La lettura del Vangelo ci insegna chiaramente che il nostro Salvatore è "l’Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo" e che, spinto dal suo amore verso tutti noi, cura le malattie e libera dal maligno quanti sono posseduti dal male.

Il Vangelo ci racconta guarigioni di ogni sorta operate da Nostro Signore, mosso sempre da un amore immenso verso tutti:

San Matteo ci dice: "Sul far della sera, gli portarono molti indemoniati; scacciò gli spiriti con la sua parola e curó tutti i malati. Così si compiva la profezia del profeta Isaia: "Si è addossato le nostre infermità”(Mt 8, l6-17).

Questo amore di Gesù che "prende su di sé le nostre ferite e malattie" spiega, la moltitudine e la varietà delle guarigioni che fece durante la sua vita pubblica, perché sentiva un grande amore. Il cieco di Gerico gli grida: "Figlio di Davide, Gesù, abbi compassione di me", e il Signore gli disse: che vuoi che io faccia? (Mc 10,47-51).

Inoltre le guarigioni di Gesù sono state fatte perchè il Padre suo fosse glorificato. Leggiamo anche in San Matteo: "E lo guarì: in modo che le persone si meravigliavano vedendo parlare i muti; gli zoppi sanati; gli storpi camminavano e i ciechi vedevano; e glorificavano il Dio di Israele" (Mt 15, 30-31).